La democrazia del futuro fondata sulla tecnologia

Oggi l’aspetto più grave è che mancano idee che possano ridare energia al sistema politico che ha accompagnato il più grande balzo in avanti che l’Occidente abbia mai conosciuto.

articolo di Francesco Grillo per Corriere della Sera

 paneuropean media

Su una cosa, Davide Casaleggio ha ragione: la democrazia liberale – quella che è nata nel 1689 nel Regno Unito al termine di anni di rivoluzioni gloriose – rischia la propria stessa sopravvivenza. E, tuttavia, è un grave errore di sottovalutazione ritenere che «i tempi di sperimentazione» sono finiti: non abbiamo ancora una ricetta uscita da qualche laboratorio di Silicon Valley ed è, anzi, urgentissimo costruire gli strumenti – intellettuali, politici – per governare la mutazione che internet ha avviato.

"La democrazia liberale rischia la propria stessa sopravvivenza"

L’urgenza di capire cosa possiamo concretamente fare per salvare il nostro «stile di vita» è dimostrata dal fatto che nelle capitali dei due Paesi che hanno inventato, difeso e – con minore o maggiore successo – esportato la nozione di democrazia, la crisi di fiducia è andata al potere. La democrazia è in crisi, insomma, e stavolta non possiamo neppure aspettarci di essere salvati dagli americani o dagli inglesi, come quando pure riuscimmo a sconfiggere macchine da guerra di enorme potenza.

È una crisi di obsolescenza tecnologica, quella che stanno vivendo i processi attraverso i quali formiamo decisioni collettive e per avere un’idea sufficientemente potente della natura del problema che l’Occidente deve affrontare, può essere, infatti, utile ricorrere alla Storia. La rivoluzione tecnologica più simile a quella che internet ha avviato è quella cominciata a metà del Quattrocento, quando Johannes Gutenberg inventa la macchina per stampare, importandone la tecnica dalla Cina. Quell’oggetto modificò completamente la distribuzione dell’informazione e, siccome al controllo dell’informazione è legato il potere, cominciò da Magonza un processo storico dalle conseguenze straordinarie. La Chiesa non ebbe più il monopolio della riproduzione e dell’interpretazione della conoscenza; Martin Lutero – nella stessa nazione e mezzo secolo dopo l’impresa di Gutenberg – dichiarò di non aver più bisogno della Chiesa per leggere le scritture; si esaurì il Medio Evo e un paio di secoli dopo, a Westminster appunto, fu sancita la fine della monarchia assoluta e la nascita dei parlamenti. Oggi, come allora, la tecnologia ridistribuisce informazione e, dunque, esige nuove modalità – le chiamiamo istituzioni – attraverso le quali il potere si acquisisce, si limita, si esercita. Stavolta, però, come per una qualche legge del contrappasso, è la democrazia liberale che rischia di essere dalla parte sbagliata della Storia.

La crisi dell'Occidente è una crisi di obsolescenza tecnologica

L’aspetto più grave è, però, che ci manca una teoria di ciò che sta succedendo. Ci manca, anzi, l’ambizione per immaginarne una nuova e la capacità di unire quelle competenze che – nelle migliori di università del mondo – si sono separate impedendoci di capire cosa sta davvero succedendo. Mancano le idee che possano ridare energia al regime politico che accompagnò il più grande balzo in avanti che l’Occidente abbia mai conosciuto. Ed è un vuoto che può certo essere colmato attraverso la piattaforma attraverso la quale gli aderenti a un movimento scelgono se appoggiare un governo. Anche perché, invece, dovremmo porre la necessità di regolare la vita dei partiti (cosa che i padri costituenti, esplicitamente, esclusero) e il voto elettronico (che in Estonia utilizzano regolarmente).

La prospettiva (ne parlo nel libro «Lezioni cinesi» nel quale osservo il paradosso della Cina che – senza aver mai avuto un’elezione politica – sta vincendo il ventunesimo secolo) può, forse, essere quella di trasformare l’idea stessa che abbiamo di democrazia. Non più solo meccanismo attraverso il quale ci limitiamo a scegliere la nostra classe dirigente o (nella stessa ipotesi di democrazia diretta) tra due possibili proposte; ma «sistema informativo» attraverso il quale far emergere bisogni e competenze individuali e aggregarle in intelligenza collettiva, coscienza di essere comunità. Democrazia come metodo per risolvere problemi e non solo, a questo si è ridotto in Italia, come mezzo di televoto per esprimere preferenze sui personaggi di una soap opera irrilevante.

Democrazia: non più solo meccanismo con cui scegliere la classe dirigente, ma «sistema informativo» attraverso il quale far emergere bisogni e competenze individuali

Se fosse questa l’intuizione da cui partire, ne potremmo, forse, derivare innovazioni concrete. Riorganizzare i confronti elettorali per problemi (copiando gli svizzeri) e per servizi pubblici (un giorno potremmo immaginare di far eleggere il presidente della Rai a chi paga il canone), perché in fondo le elezioni politiche generali pongono agli elettori una scelta molto più complessa. Introdurre in Europa la possibilità di votare ed essere votati in collegi non più legati a un territorio. Dare un voto in più a ogni genitore per ciascun figlio minorenne, visto che sono gli adolescenti quelli che più hanno più da perdere per decisioni sbagliate. Spostare competenze e risorse dalle Regioni e dagli Stati alle città la cui stessa dimensione rende possibile il confronto.

La democrazia liberale è, come ricorderebbe Churchill, il migliore regime politico tra quelli che l’uomo ha inventato per stare insieme. La strada per salvarlo è restituirgli efficienza e la capacità di farci riconoscere come comunità. Per riuscirci bisognerebbe mettere insieme la sensibilità di chi ha vissuto di Costituzioni e ne riconosce la fragile importanza, e di chi ha consapevolezza delle forze che le tecnologie stanno scatenando.

Follow Us

Partner

vision and value logo

© 2019 Vision & Value Srl | vicolo della Penitenza 10 – 00165 Roma | P. IVA 04937201004
Credits elmweb