Ucraina ed esercito del futuro

Una strategia per la difesa europea

Editoriale di Francesco Grillo per Il Messaggero e il Gazettino del Nord Est

Scansione dell'editoriale cartaceo

WhatsApp Image 2022 03 07 at 07.49.30

Quanto costa all’Europa una politica di sicurezza comune adeguata al ventunesimo secolo? La domanda è diventata all’improvviso la più importante nel dibattito sul “futuro dell’Europa”, mentre la guerra ci sta spingendo con grande velocità verso nuove storiche decisioni. Per rispondere può essere utile ricordare la risposta che Barack Obama fornì al candidato repubblicano Mitt Romney nel corso dell’ultimo dibattito televisivo prima delle elezioni presidenziali del 2012. L’avversario di Obama decise quella sera di giocarsi l’ultima possibile carta contro un rivale imbattibile e contestò al Presidente che l’esercito degli Stati Uniti avesse nel 2012 meno navi e caccia rispetto alla fine della Seconda guerra mondiale. Il Presidente Obama lo gelò però con ironia: “Le do una notizia senatore. Lei ha ragione e aggiungo che abbiamo anche meno cavalli e baionette di quanti ne avessimo durante la guerra di secessione. Nonostante ciò, l’esercito degli Stati Uniti è oggi molto più potente”.  

La battuta coglie un paradosso che un qualsiasi Paese e, soprattutto, l’Unione Europea deve considerare se vuole costruire una propria capacità di difesa autonoma con risorse pubbliche che stanno per ridiventare scarse.

Le tecnologie cambiano il quadro di ciò che serve per dotarsi di una capacità autonoma di difesa.

E, come sempre succede quando si prova a considerare seriamente come il fattore tecnologico cambiano tutte le equazioni che continuiamo a dare per scontate, non è escluso che oggi si possa riuscire nel miracolo di spendere meno e difendersi più efficaci. In questo senso, la stessa fissazione degli americani di pretendere che gli alleati spendano almeno il 2% del PIL in armamenti – Italia e Germania sono ampiamente sotto questa soglia come dice il grafico - può essere fuorviante. 

Grafico 1 – Spesa in difesa sul PIL (%, 2020)

Grafico Ucraina

Fonte. Vision su dati Banca Mondiale

Del resto la spesa degli stessi Stati Uniti in difesa è in costante discesa da cinquant’anni (come da grafico successivo) ed è la stessa vicenda ucraina che dimostra che non basta spendere per garantirsi vittorie lampo.

Grafico 2 – Evoluzione spesa in difesa sul PIL (%, 1960 - 2020)

Grafico Ucraina

Fonte. Vision su dati Banca Mondiale

 

In realtà, difende meglio la pace chi ha più capacità di aggregare, processare, trasmettere dati. Vince chi ha la capacità analitica di trasformare informazioni in conoscenza rilevante a prendere decisioni.

Gli studi di Rand Corporation (il think tank nato dai programmi di ricerca del Pentagono) dicono che eserciti, navi, aerei avranno sempre meno bisogno di esseri umani; da tempo si fanno, del resto, guerre locali per sperimentare carri senza conducenti. Soprattutto, la guerra del futuro assomiglierà tanto a quella che il generale cinese Sans Tsu raccomandava 2500 anni fa nell’”arte della guerra”, uno dei libri più letti di sempre:

conoscere bene il nemico consentirà di vincere le battaglie migliori che sono quelle che non si combattono.

La difesa, l’operazione di polizia e “intelligence” nel territorio altrui, la comunicazione si stanno fondendo in un’unica strategia che può consentire ad un Davide motivato di tenere a bada un Golia arrogante.

L’integrazione delle capacità di difesa dei Paesi europei, passa, dunque, anche attraverso la loro modernizzazione. E comporta tre condizioni. 

La prima è diventare autonomi dal punto di vista digitale e ciò rimanda alla questione di come l’Europa può dotarsi delle infrastrutture, delle concentrazioni di capitale umano, del controllo di materie prime che le serve per rientrare in una battaglia che al momento sembra riguardare solo Stati Uniti e Cina (persino la Russia ci precede).

Quella che serve è una catena lunga fatta di cavi sottomarini, satelliti, analisti. Di imprese che producono chip e gestiscono piattaforme; altre che progettano e fanno manutenzione di droni;ricercatori che esplorano la frontiera dei sensori che monitorano le condizioni di salute dei militari. Una catena lungo la quale l’Europa presenta dipendenze persino superiori di quelle energetiche che hanno reso, per anni, Putin un alleato scomodo ma inevitabile.

In secondo luogo, è importante costruire società molto più resistenti a shock che diventano sempre più intense e frequenti.

Una politica di sicurezza moderna passa non solo per un rafforzamento della capacità di leggere le crisi lontano dai nostri confini, ma anche aggiornare di contino la mappa delle nostre fragilità: città, logistica, comunicazione. Essere resilienti significa peraltro condividere – come dimostra il caso non pianificato dell’Ucraina e quello molto più scientificamente organizzato di Israele – un patrimonio di tecnologie e competenze da utilizzare in emergenza con l’intera cittadinanza. Paradossalmente, la difesa del futuro avrà menosoldati di professione, impiegherà più programmatori emobiliterà molti più “riservisti”. La proposta del think tank Vision di un servizio civile obbligatorio potrebbe raggiungere tutti.

Infine, però, una politica di sicurezza europea presuppone una premessa politica che non può più essere elusa. Condividere dispositivi di difesa e, addirittura, patrimoni informativi capillari significa celebrare unioni persino più indissolubili di quelli costruiti attorno ad un’unica moneta.

È impensabile procedere su una strada così impegnativa con i riti delle unanimità e dei ripensamenti visti anche in questa crisi. Significheràavere, persino, una struttura di comando in grado di prendere decisioni per tutti e ciò significa anche che quel “comandante in capo” abbia un mandato politico che oggi le istituzioni comunitarie non hanno.

La politica estera e di sicurezza comune dell’Europa è stata per anni il sogno dei federalisti. Oggi diventa una condizione di sopravvivenza.

Essa si realizza, però, non creando un altro esercito simile a quelli che oggi si fronteggiano lungo il fiume che porta da Kiev a Odessa. È, forse, una scelta deliberata quella di fare della battaglia per l’Ucraina una specie di ritorno a tempi che la stessa guerra fredda aveva solo annunciato. Ma il futuro è diverso da quello che narrano i carri armati sotto la neve. Arrivata al bivio decisivo, l’Europa avrà bisogno di fare un salto di qualità immaginando un modo completamente nuovo per difendere la pace.

Follow Us

Partner

vision and value logo

© 2022 Vision & Value Srl | vicolo della Penitenza 10 – 00165 Roma | P. IVA 04937201004
Credits elmweb