Rischio o opportunità? L’impatto della digitalizzazione sul lavoro e il contributo delle imprese

Digitalizzazione e lavoro: cosa sta cambiando
Articolo di Silvia Castellazzi

 Una delle implicazioni più interessanti dell’automazione dei processi produttivi e in generale della digitalizzazione della produzione e del lavoro è legata a come cambiano le singole attività (task) di ciascun lavoratore. Ce ne accorgiamo quando parte dei task di ciascuno di noi vengono appunto sostituiti da algoritmi in senso lato; così facendo è lasciata però al lavoratore idealmente l’opportunità di sviluppare la parte più nobile, più caratterizzante del suo lavoro (quella, come la chiamano gli economisti, di non-routine, che ancora non può essere svolta dai software: in primis le capacità affettive e relazionali e la gestione di ambiguità e incertezza). 

Questa opportunità si dà se il contesto richiede al lavoratore effettivamente una superiore capacità di gestione. Si dà cioè se c’è una spinta competitiva tale da costringere le imprese a richiedere attività e quindi competenze via via più articolate e integrate. Come si configura in Italia tale richiesta?

Un recente rapporto OCSE (2017) ci parla di un Paese posizionato in una situazione di tendenziale equilibrio tra i volumi di domanda e offerta di competenze che si attesta però su una combinazione poco produttiva e innovativa: quella cioè in cui, da un lato, l’offerta di competenze di alto livello è inferiore rispetto alle medie internazionali (percentuale relativamente bassa di laureati, minore qualità dell’educazione secondaria etc.), ma dall’altro il tessuto produttivo è tendenzialmente soddisfatto perché non richiede – nel complesso – competenze nettamente più alte (low-skill equilibrium). A fronte di una qualità medio-bassa dell’offerta c’è una qualità medio-bassa della domanda, che non traina, non mette in moto una “produzione” di competenze più articolata. I motivi sono risaputi: piccole dimensioni delle nostre aziende, bassa managerializzazione di imprese a forte controllo familiare, diversi settori al riparo da dinamiche competitive.

L’equilibrio, proprio perché tale, è difficile da spostare: idealmente le imprese e i lavoratori nel complesso trarrebbero un vantaggio nell’andare verso un’economia nel complesso più innovativa e competitiva, che li proteggerebbe maggiormente da disoccupazione, obsolescenza ed esclusione. D’altro canto, pochi sembrano gli incentivi per le singole aziende a uscire dal “business as usual” e a provare una strada diversa, col rischio di rimanere sole in mezzo al guado in assenza di una regia che le guidi

 

Schermata 2018 05 08 alle 10.49.58

 

 

Le implicazioni della digitalizzazione sui processi e sul lavoro sono un’occasione imperdibile per mettere in moto un circolo virtuoso in cui professionalizzare e aumentare le competenze  – tra i programmi del prossimo governo accanto a sostegno al reddito e flat tax sarebbe utile ricominciare a parlare di produttività, investimenti e di dove dirigere i fondi e le energie liberati da una possibile riforma fiscale per le imprese.   

Partners & Sponsors

mit logo

cssn azerbaijan logo

anci logo

miur logo

Follow Us

Partner

vision and value logo

Subscribe Newsletter

Subscribe and you will be informed about our news and events.
© 2018 Vision & Value Srl | vicolo della Penitenza 10 – 00165 Roma | P. IVA 04937201004
Credits elmweb